In linea da: 18/04/2014

Storia di un corso d’acqua: il Marzenego e le sue trasformazioni dal medioevo ai giorni nostri

di Claudio Pasqual

Pubblichiamo l’intervento tenuto da Claudio Pasqual il 21 gennaio 2014 nel corso del primo incontro del ciclo “Quale futuro per il fiume Marzenego? Storie e progetto”. Vista la lunghezza del testo, ne proponiamo qui di seguito l’introduzione e la parte relativa alle vicende più recenti; il testo integrale (corredato di bibliografia) è invece accessibile cliccando qui.

Introduzione 

Il Marzenego, il fiume di Mestre, scorre in un territorio, l’entroterra veneziano, caratterizzato da una grande abbondanza d’acque: l’attraversano fiumi alpini e di risorgiva e una fitta maglia secondaria di rii, canali, scoli e fossati. Come ogni pianura bassa affacciata su una laguna, anche quella veneta è caratterizzata da equilibri idrogeologici mutevoli e precari. Come forse in nessun’altro ambiente la coesistenza tra reticolo idrografico e tessuto insediativo assume qui un assoluto rilievo. Un plurisecolare utilizzo e l’opera di controllo e regolazione dei corsi d’acqua, irreggimentando i fiumi, modificandone le aste e i percorsi, mentre hanno dissolto la naturalità degli ambienti fluviali in compiute costruzioni antropiche, sono intervenuti nel nostro caso a rendere più fragili e

Continua a leggere Storia di un corso d’acqua: il Marzenego e le sue trasformazioni dal medioevo ai giorni nostri

In linea da: 11/04/2007

La zona delle risorgive non esiste più. Viaggio lungo il fiume Zero, dalle sorgenti alla foce

di Elisa Pasin

«Il Zero che ora è chiamato fiume non era altro che un piccolo scolador del trevisano, la sua poca acqua ha nascimento nella villa di Brusaporco et è così scarsa che meritatamente porta il nome di Zero» 1.

Queste sono le parole di uno sconosciuto perito della Magistratura dei Savi ed Esecutori alle acque nel XVI secolo che ci dà la possibilità di capire dove il fiume abbia avuto origine, cioè nella “villa di Brusaporco”, antica località nei pressi di Castelfranco, l’odierna Castelminio. Ed è proprio il riuscire ad individuare la zona dalla quale lo Zero si forma tutt’oggi che mi ha creato qualche problema.

Continua a leggere La zona delle risorgive non esiste più. Viaggio lungo il fiume Zero, dalle sorgenti alla foce