In linea da: 15/01/2014

Rapporto confidenziale sul mio internamento (giugno 1940)

di Uberto Limentani, a cura di Lucio Sponza

Qualche giorno prima di Natale, Manlio Calegari ha commentato sul nostro sito l’intervento su Radio Londra, tenuto da Lucio Sponza all’ultimo “spunti-no storico” del 2013. Calegari si diceva curioso di sapere qualcosa di più sull’“illuminante” rapporto di Uberto Limentani citato nel testo; Sponza ha perciò deciso di fornirci la traduzione italiana della trascrizione integrale del documento. La pubblichiamo qui di seguito.

Rapporto confidenziale di U[berto] Limentani intorno al proprio internamento e all’affondamento della nave a vapore Arandora Star

Sono stato arrestato il 13 giugno e internato lo stesso giorno nel Campo di Internamento per Stranieri all’ippodromo di Lingfield [circa 30 chilometri a sud di Londra]. Sono stato messo con altre nove persone in un carro per il trasporto di cavalli; non è stata fatta alcuna distinzione fra rifugiati e altre persone, né allora né dopo; nove giorni dopo è stata resa disponibile una sistemazione migliore, ma all’undicesimo giorno dall’arresto sono stato trasferito al Campo di Internamento di Warth Mills [un cotonificio dismesso] di Bury, Lancashire. La sistemazione in

Continua a leggere Rapporto confidenziale sul mio internamento (giugno 1940)

In linea da: 22/12/2013

Dici “Radio Londra”?

di Carlo Miclet

Presentiamo il testo dell’introduzione fatta da Carlo Miclet all’intervento di Lucio Sponza sulla propaganda della BBC verso l’Italia durante la seconda guerra mondiale, in occasione dello “spunti-no storico” del 12 dicembre 2013. Dove si suggerisce che su un tema “mitico” come Radio Londra, a prima vista così popolare, la storiografia (in italiano) ha prestato poca attenzione.

Quando mi è stato chiesto di presentare lo “spunti-no” di Lucio Sponza , mi sono reso conto che sapevo ben poco di propaganda di guerra, di qualsiasi colore fosse. Ho cercato quindi di fare mente locale su quanto ricordassi su Radio Londra, l’unico tema di cui tratta l’intervento di Lucio Sponza su cui ho delle nozioni. È un tema che non ho mai approfondito, ma che mi è capitato di incrociare più volte: studio, cinema, letteratura, televisione. Le prime cose che mi sono venute in mente sono i tre punti e la linea della “sigla”, spesso scambiata per la Quinta Sinfonia di Beethoven, e cose del tipo “Margherita è bionda – La mucca ha fatto il latte – Il pappagallo è rosso

Continua a leggere Dici “Radio Londra”?

In linea da: 18/12/2013

La BBC “in bianco” e “in nero”. La propaganda britannica per l’Italia nella seconda guerra mondiale

di Lucio Sponza

Pubblichiamo il testo dell’intervento che Lucio Sponza ha tenuto in occasione del terzo “spunti-no storico” di storiAmestre, edizione autunno 2013. Vista la sua lunghezza, ne presentiamo qui di seguito solo il primo paragrafo e la nota archivistica-bibliografica; chi volesse leggere il testo integrale, può scaricarlo in formato pdf cliccando qui.

Saranno tre, invece di due, le modalità della propaganda e la terza possiamo chiamarla “in grigio”, per rimanere nei termini cromatici del titolo. La prima, quella arcinota, è costituita dalle trasmissioni di Radio Londra; la seconda, quella “in nero”, è la propaganda clandestina; la terza, quella che utilizzava i prigionieri di guerra italiani sia come mezzo che come fine della propaganda (in “grigio-verde”?).

Radio Londra

La prima trasmissione in italiano fu effettuata dalla BBC (British Broadcasting Corporation) alla fine di settembre del 1938, subito dopo l’incontro a Monaco di Baviera dei “quattro grandi”. Non era un privilegio dell’Italia: furono iniziate anche trasmissioni per la Germania e per la Francia, nelle rispettive lingue. Che fosse coinvolta anche la Francia suggerisce

Continua a leggere La BBC “in bianco” e “in nero”. La propaganda britannica per l’Italia nella seconda guerra mondiale