In linea da: 04/10/2015

Beni comuni. Due incontri con storiAmestre (9-16 ottobre)

di sAm

storiAmestre promuove due incontri (i venerdì 9 e 16 ottobre 2015, dalle ore 16,30) presso la Biblioteca di Marghera (piazza Mercato 40/b) per discutere sui diversi significati dell’espressione “beni comuni”, così come si sono venuti affermando nella storia europea, e soprattutto nei dibattiti politici, culturali e scientifici degli ultimi decenni. Molte discipline – scienze ambientali, economiche, giuridiche e storiche – s’interrogano sul significato di “beni comuni”; movimenti collettivi si mobilitano a difesa di risorse il cui accesso non può essere esclusivo di singoli, di gruppi, istituzioni. Un’isola della laguna a chi appartiene? Risorse come la terra, l’acqua e il paesaggio, a chi appartengono e come e a chi possono essere  gestite?

Le esperienze storiche che si riferiscono a usi collettivi di acque, boschi e pascoli possono essere utili nel dibattito politico attuale? Una riflessione su esempi storici illumina i modi in cui le risorse sono state gestite collettivamente e possono esserlo nel futuro.

Di seguito il programma completo. Per scaricare la locandina, cliccare qui.

Venerdì 9 ottobre, ore 16.30

Saluto di Gianfranco Bettin (presidente della Municipalità di Marghera)

Introduce Carlo Miclet (storiAmestre)

Giacomo Bonan (storiAmestre), Beni comuni, significati diversi

Lucio Sponza (storiAmestre), “Common lands” e storia dell’Inghilterra

Luca Pes (Venice International University),  Privatizzare Venezia. L’ideologia del progettista imprenditore

Venerdì 16 ottobre 2015, ore 16.30

Introduce Maria Giovanna Lazzarin (storiAmestre)

Claudio Lorenzini (Università di Udine), Fra l’utile e l’inutile. Le risorse forestali nell’area alpina orientale in età moderna: il caso friulano

Nadia Carestiato (Università di Udine), La gestione dei beni comuni: l’esperienza delle proprietà collettive

Anna Maria Stagno (Universidad del País Vasco – Università di Genova), Vittorio Tigrino (Università del Piemonte Orientale), Il percorso dell'acqua: storia e archeologia della condivisione di una risorsa nell'Appennino Ligure

Lascia un commento