In linea da: 11/12/2018

Un gioco da bambini e bambine. Cappelletta di Noale e Noale, 20 novembre 2018

di Mario Tonello

I contributi di storiAmestre alla costruzione del Contratto di fiume Marzenego continuano. Dopo l’ideazione del Gioco dell’Oca lungo il Fiume, dedicato ai bambini delle elementari, di cui abbiamo già dato notizia qualche tempo fa, abbiamo portato uno dei nostri lavori, la Carta simbolica del “Marzenego oggi” nelle classi quarte della scuola elementare Duca d’Aosta, nella sede di Cappelletta di Noale e in quella “madre” di Noale.

Le maestre Cristina Bertoldo e Stefania Pellizzon con i loro colleghi avevano visto la Carta del Marzenego Oggi (detta “la striscia” per la sua lunghezza, 15 metri) alla mostra della cartografia storica del Marzenego che storiAmestre ha installato al “Negozio Piave 67” a Mestre nel settembre scorso, e ne avevano colto la potenzialità didattica. Con i loro colleghi hanno quindi organizzato il 20 novembre scorso tre incontri degli alunni di quarta con l’autore della striscia.

Eccone di seguito un racconto fotografico.

Continua a leggere Un gioco da bambini e bambine. Cappelletta di Noale e Noale, 20 novembre 2018

In linea da: 11/12/2018

L’assemblea dei soci 2018. Venerdì 14 dicembre

di sAm

Tempo di assemblea dei soci (e di rinnovo delle tessere): appuntamento venerdì 14 dicembre 2018, presso la sede di via Ciardi (Cipressina, Mestre), alle ore 17,30.

Si discuterà di:

I. Attività di sAm nel 2018

1. Gruppo di lavoro sul Marzenego e sito www.ilfiumemarzenego.it;

2. Sito storiamestre.it e pagina facebook;

3. Centro di documentazione sulla città contemporanea (e Fondo Antonello);

4. Progetto Centri commerciali;

5. Quaderni di sAm (poco dopo l'uscita del Quaderno 16);

6. Iniziative svolte nel 2018;

7. Vita dell’associazione (modifiche nella composizione della redazione del sito e del direttivo).

II. Per Luciana Granzotto

III. Prospettive per il 2019

1. Festa di sAm 2019;

2. Continuità alle iniziative del 2018.

Continua a leggere L’assemblea dei soci 2018. Venerdì 14 dicembre

In linea da: 06/12/2018

Cinque colpi di pistola. Per Maria Antonietta Lazzarini che uccise il principe Trivulzio, a risarcimento di un processo negato

di Francesco Selmin

In occasione della cerimonia di premiazione delle borse di studio erogate dalla Fondazione Maria Antonietta Lazzarini, che si terrà oggi 6 dicembre 2018 a Este, presentiamo alcune pagine dal libro di Francesco Selmin, La donna che uccise il principe. Maria Antonietta Lazzarini e Luigi Alberico Trivulzio, da poco uscito per Cierre. Selmin vi ricostruisce un fatto di cronaca nera avvenuto a Milano alla fine del 1938, quando Maria Antonietta Lazzarini uccise a pistolettate il principe Luigi Alberico di Trivulzio, con cui aveva una relazione clandestina sin dagli anni Venti. Le perizie psichiatriche designarono Maria Antonietta, nata a Este nel 1898, “inferma di mente”: pertanto al delitto non seguì un processo ma un lungo internamento in manicomio.

Cinque colpi di pistola

Esasperati dalle ossessive richieste di sovvenzioni, dalle telefonate e da pressanti domande di abboccamenti, ma ormai decisi a non darle più ascolto, i Trivulzio si rivolgono alla Questura che, nel 1937, decide di rimpatriare la Lazzarini a Este con il foglio di via. La donna non demorde, non accetta la fine di una storia più che decennale. Scrive

Continua a leggere Cinque colpi di pistola. Per Maria Antonietta Lazzarini che uccise il principe Trivulzio, a risarcimento di un processo negato

In linea da: 04/12/2018

Il “cavallo bianco” in via Piave. Incontro sulla storia della Vidal, 6 dicembre 2018

di sAm

storiAmestre e il Gruppo di Lavoro Piave invitano a un incontro con Michela Cabianca su Storia della Vidal. Sviluppo e declino di una fabbrica di Marghera (1900-1992).

Appuntamento giovedì 6 dicembre, alle ore 18

presso il Negozio Piave 67 (via Piave 67, Mestre)

Introdurrà Fabrizio Zabeo (storiAmestre).

Michela Cabianca è autrice di una ricerca su questo argomento, che abbiamo già presentato sulle pagine del nostro sito.

Per visualizzare/scaricare la locandina dell’incontro, cliccare qui.