In linea da: 11/10/2018

“Paroni a casa nostra”. Che legalità, che paese, e che strade? Torniamo sulla Pedemontana Veneta

di Piero Brunello

Un altro intervento di Piero Brunello a proposito della superstrada Pedemontana Veneta. L’occasione è data dalla stipula di un “Protocollo di legalità” firmato dal presidente della Regione Zaia e il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Con un nuovo documento: l’ultima deliberazione della Corte dei Conti, datata 21 marzo 2018.

Alla fine dell’agosto 2018, in occasione della stipula ufficiale di un “Protocollo di legalità” per la realizzazione della Pedemontana Veneta, il ministro Salvini, con grande compiacimento del presidente della Regione Zaia, ha additato l’opera a modello da seguire per tutta l’Italia. A parte che il rispetto della legalità dovrebbe essere scontato, la notizia mi è sembrata così incredibile da convincermi a tornare sul tema, e a studiarmi l’ultima deliberazione della Corte dei Conti, del 21 marzo 2018, dal titolo La ridefinizione del rapporto concessorio della superstrada veneta, che riprende i rilievi segnalati negli ultimi anni dalla Corte stessa e dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac).

Riassumo qui sotto le principali osservazioni (per altri aspetti rinvio ai miei contributi già pubblicati nel sito a fine 2016 e

Continua a leggere “Paroni a casa nostra”. Che legalità, che paese, e che strade? Torniamo sulla Pedemontana Veneta

In linea da: 07/10/2018

Lavoro, non-lavoro e marginalità sociale. Con due esempi dalla Jugoslavia tra le due guerre

di Stefano Petrungaro

Pubblichiamo il testo della relazione che Stefano Petrungaro ha tenuto al primo incontro del ciclo “Fondata sul lavoro”, che si è tenuto presso la sede di storiAmestre il 26 settembre 2018.

Il dovere di avere un lavoro “normale”

Il punto di partenza di questa riflessione è quel lungo processo storico che nel corso degli ultimi duecento anni ha portato a due sviluppi: al tentativo di definire alcuni lavori “normali”, e altri no; all’imposizione del lavoro come dovere, al fine di ricevere pieni diritti sociali e in parte anche politici (per i “falliti” e chi è in carcere, per esempio, è prevista la sospensione dei diritti politici).

Continua a leggere Lavoro, non-lavoro e marginalità sociale. Con due esempi dalla Jugoslavia tra le due guerre

In linea da: 04/10/2018

Il gioco dell’oca dal Marzenego a via Piave. 7 ottobre 2018

di sAm

Ospitati dal Gruppo di lavoro di via Piave, e nell’ambito della manifestazione I negozi delle meraviglie (a sua volta compresa nel programma della sesta edizione di “Dritti sui diritti”), domenica 7 ottobre dalle ore 9.45 alle ore 11.15, in piazzetta San Francesco a Mestre, ragazzi e ragazze di 8-12 anni potranno partecipare al “Gioco dell’Oca lungo il Marzenego”, realizzato da storiAmestre e MCE.

La partecipazione è libera.

Il gioco è un contributo alla conoscenza del fiume e del suo territorio che sAm e MCE hanno prodotto per il Contratto di Fiume Marzenego, già sperimentato in varie situazioni e con alcune classi di ragazzi delle elementari e medie inferiori.

Sulla nostra pagina facebook le immagini della partita giocata a Olmo di Martellago il 22 aprile 2018.

Sul sito ilfiumemarzenego.it è disponibile una descrizione completa del gioco e la riproduzione di tutte le caselle.

 

In linea da: 29/09/2018

Dal mystery client al mystery worker? Il sogno di una “inviata dal mondo del lavoro”

di Miriam Allegretto

La nostra amica Miriam Allegretto è tornata a scriverci dopo alcuni anni per raccontarci alcune sue recenti esperienze nel mondo del lavoro.

1. Il mystery client o mystery shopper è un cliente in incognito assunto da organizzazioni pubbliche o private, attraverso agenzie specializzate nel settore, per testare la qualità del servizio erogato dai propri uffici, punti vendita, ristoranti, hotel… Si tratta di una verifica sulla qualità del servizio che la legislazione fa rientrare nel potere di controllo attribuito al datore di lavoro.

La prima volta che ne sentii parlare fu nel dicembre 2013. In quel periodo mi trovavo in un comune della provincia di Milano, insieme a quelli che sarebbero stati i miei futuri colleghi, per svolgere due settimane di formazione. Da gennaio, infatti, saremmo stati assunti nella sede di un franchising di ristorazione di imminente apertura in provincia di Venezia.

Continua a leggere Dal mystery client al mystery worker? Il sogno di una “inviata dal mondo del lavoro”