In linea da: 02/04/2013

Sorpresa di stagione: una seconda edizione

di redazione sito sAm

Secondo tradizione, sono giorni di sorprese nell'uovo. Da parte nostra, offriamo ai nostri lettori una seconda edizione del saggio di Alberto Cavaglion che abbiamo pubblicato poco più di un mese fa, Il grembo della Shoah. Il 16 ottobre 1943 di Umberto Saba, Giacomo Debenedetti, Elsa Morante (con una postilla su Enzo Forcella), ora arricchito di due immagini. Con il gentile accordo di Angelo Stella (Fondazione Maria Corti) e di Maria Antonietta Grignani (Università di Pavia), abbiamo infatti ripreso due pagine provenienti dal fondo Umberto Saba, conservato presso il Fondo Manoscritti dell’Università di Pavia.

Per scaricare questa seconda edizione de Il grembo della Shoah, cliccare qui. Per leggere alcune pagine in anteprima, rimandiamo a questo stesso nostro sito.

Le immagini sono peraltro già accessibili in rete, attraverso il sito del Fondo Manoscritti, rispettivamente agli  indirizzi:

http://oceania.unipv.it/ms/saba/pec00018813_014.htm

http://oceania.unipv.it/ms/saba/pec00018604_frsp.htm

In linea da: 24/04/2012

Buon 25 aprile

di sAm

L'associazione storiAmestre festeggia il 25 aprile come data importante, fondativa della democrazia, della libertà e della pace nel nostro paese. Sentiamo vicini coloro che, in un momento così drammatico e difficile, scelsero di resistere e di lottare in molti modi contro il nazi-fascismo.

La Resistenza è nata dal rifiuto di obbedire, dalla non collaborazione alle autorità – in Italia e nei campi di prigionia –, dalla diserzione, dalla renitenza alla leva, e dalla scelta di aiutare renitenti, ebrei, perseguitati, disertori, prigionieri in fuga e partigiani. Commemorare significa riaffermare sentimenti umani, valori di libertà e speranza per un mondo migliore: tutto quello che ha contraddistinto la Resistenza, nei diversi modi in cui si è espressa. Per gli uomini e le donne che vi aderirono, Resistenza significava reagire contro l’arroganza e le scelte tragicamente sbagliate delle classi dirigenti e assumersi la responsabilità di prendere in mano il futuro, pensando che il mondo può essere cambiato.

In linea da: 09/01/2012

Solidarietà alla protesta contro il Pat. Un comunicato del direttivo di sAm

di sAm

L’associazione storiAmestre esprime solidarietà a quanti stanno effettuando un digiuno perché ci sia un’informazione chiara e una discussione pubblica sul Piano di assetto del territorio di Venezia e sulle conseguenze idrologiche, ecologiche, paesaggistiche, economiche e ambientali che esso comporta.

L’associazione fa proprie le ragioni della protesta e continuerà a offrire nel proprio sito (storiamestre.it) dati sul progetto, sull’iter decisionale e sulle iniziative di cittadini, comitati e associazioni.

A nome dell’associazione e del suo direttivo, la presidente Giannarosa Vivian

In linea da: 22/12/2010

Il “tradizionale messaggio di fine anno”

di Luca Pes

Il presidente in carica di storiAmestre, a causa di impegni di lavoro, non ha potuto partecipare al tradizionale brindisi di fine anno di sAm, che si è tenuto il 14 dicembre 2010 presso il Centro di Documentazione della Città Contemporanea, al termine dell’ultimo seminario per il 2010 del laboratorio "Acque alte a Mestre e dintorni". Luca Pes ha tuttavia inviato un tradizionale messaggio di fine anno che, come da tradizione, oltre a presentare un breve bilancio e a porgere sentiti auguri, dispiega le prospettive per l’anno nuovo. Lo proponiamo qui di seguito.

Cari soci, socie e amici, amiche di storiAmestre,

oggi c’è il tradizionale brindisi di auguri e io non ci sarò. Mi scuso molto, sono preso da impegni di lavoro che non posso disdire. Ma ci sarò in spirito e con questa lettera. È una bella idea festeggiare alla chiusura di questa tornata di seminari sulle acque alte: un’iniziativa così importante per la città, il centro e l’associazione tutta. Vorrei ringraziare moltissimo a nome di storiAmestre tutti quelli che l’hanno resa possibile.

Fabio Brusò vi racconterà cosa l’associazione ha fatto da settembre a oggi. Io vorrei solo

Continua a leggere Il “tradizionale messaggio di fine anno”