In linea da: 12/09/2018

sAm alla “Castellana 2018”. Martellago, 15-16 settembre 2018

di sAm

L’associazione storiAmestre è stata invitata a partecipare alla settima edizione della “Castellana”, che si terrà a Martellago sabato 15 e domenica 16 settembre 2018, presso Villa Grimani Morosini – Ca’ della Nave. Il tema di quest’anno è “Vivere il territorio e i suoi fiumi”: al centro della manifestazione ci sono la salvaguardia e il recupero dell’ambiente fluviale del territorio, e la possibile creazione di un Parco fluviale metropolitano del Marzenego tra Mestre e Noale.

Due gli appuntamenti con sAm, a cura del gruppo di lavoro sul Marzenego e Contratto di Fiume Marzenego:

– riproponiamo la mostra Dalla cartografia storica del Marzenego alla carta del presente, già presentata negli anni scorsi (visitabile sabato, dalle 18,30, e domenica, presso la foresteria affrescata);

– presentiamo in anteprima il progetto (curato nell’ambito del Contratto di Fiume Marzenego) Ridiamo il nome ai fossi. Rivalutazione e cura delle acque minori che attraversano i luoghi dove viviamo (sabato 15, alle ore 17,30 presso l’Auditorium).

Per il programma completo della Castellana 2018, rimandiamo al sito della Pro Loco di

Continua a leggere sAm alla “Castellana 2018”. Martellago, 15-16 settembre 2018

In linea da: 08/09/2018

25 luglio e 8 settembre tra Zero Branco, Chioggia, Treviso e Roma

di Giovanni Comisso

Riprendiamo alcuni documenti e alcune pagine dello scrittore Giovanni Comisso (1895-1969), relativi al 25 luglio e all’8 settembre 1943. All’annuncio delle dimissioni di Mussolini Comisso si trovava a Treviso. Nella prima metà di agosto fu richiamato alle armi e si trovava a Roma, in procinto di prendere servizio in ufficio di censura, quando giunse la notizia dell’armistizio.

1. 25 luglio 1943: «Muore Re Sole», ma l’estate dura così poco

Alla fine del luglio 1943, Comisso scrisse una lettera all’amico Renato Peretti (che nel dopoguerra sarebbe diventato un celebre falsario di quadri d’autore, specializzato in De Chirico), in cui raccontava il suo 25 luglio a Treviso (che è la città natale dello scrittore).

«Contrariamente al solito io e Languasco [Edoardo Languasco, il segretario del pittore Filippo De Pisis che era grande amico di Comisso], il pomeriggio del 25 luglio abbiamo dormito dalle due alle sei per aver bevuto alcuni bicchierini di vodca eccitati dalla lettura di Anime morte di Gogol, dove pasteggiando si beve così. E si seppe nulla di quello che accadeva sul cielo della Patria.

Continua a leggere 25 luglio e 8 settembre tra Zero Branco, Chioggia, Treviso e Roma

In linea da: 04/09/2018

«Hai fatto il PEI?». Un anno da insegnante di sostegno in una scuola del padovano

di Giulio Vallese

Il nostro amico Giulio Vallese, dopo quella con i voucher, ci racconta un’altra sua recente esperienza di lavoro nel mondo della scuola. Un anno come insegnante di sostegno in un grande istituto pubblico della provincia di Padova, chiamato in servizio a settembre dalle graduatorie di “terza fascia”. Spaesamento e adattamento – tra i punti in graduatoria, gli studenti, i colleghi, l’edificio, le riunioni, la burocrazia, le abilitazioni comprate in Romania… – diventando un «funzionario dell’esclusione» immerso nella «retorica dell’inclusione» – come ci ha scritto presentandoci il suo testo.

M. fissa lo schermo del computer. Passa da un video all’altro, dall’hard rock a Tiziano Ferro in base ai suggerimenti dei cookies. Si sofferma su Pretty fly (for a white guy) degli Offspring solo per mandare in loop alcuni passaggi. Lo fa praticamente con tutti i pezzi, è una sorta di ecolalia che impone al mondo. Finito di tormentare la canzone, molla momentaneamente la presa dal mouse e afferra l’altra estremità del “filo”, così chiama una reggetta di plastica bianca che tiene sempre con sé, di quelle che si usano per l’imballaggio delle risme di carta.

Continua a leggere «Hai fatto il PEI?». Un anno da insegnante di sostegno in una scuola del padovano

In linea da: 29/08/2018

“Alzati che è ora di andare a lavorare”. Una figlia intervista sua madre

di Mirella Vedovetto

La nostra amica Mirella Vedovetto intervista sua madre sul lavoro che aveva fatto da giovane. Aveva cominciato quattordicenne, alla fine degli anni Cinquanta, presso una sarta di Mogliano Veneto dove già lavorava una sorella: le mansioni, le condizioni di lavoro, la paga, i vestiti, la clientela, un regalo di nozze, i vestiti fatti per i familiari… Smise dopo essersi sposata. La conversazione risale all’aprile 2006.

Introduzione. “Alsate, Gianna, alsate che xe ora de andar a lavorar… alsate!”. Così la zia Lina (Evelina) cercava di svegliare mia mamma, quando era ragazza. Lei però aveva ancora sonno e si girava dall’altra parte.

Continua a leggere “Alzati che è ora di andare a lavorare”. Una figlia intervista sua madre