In linea da: 14/05/2010

Radiorana. Calcando sulla a

di Gigio Brunello

Gigio Brunello, burattinaio, attore e autore di testi teatrali, ha festeggiato il primo maggio 2010 regalando agli amici una sua interpretazione di conversazioni radiofoniche: «Radiorana. In principio era il Logo». Ne presentiamo alcuni brani, preceduti da una nota di Brunello, sperando di poter mettere presto a disposizione un file audio.

Due o tre anni fa mi capitava di tenere accesa la radio nel mio laboratorio su una di quelle frequenze storiche delle prime radio libere. Molte dediche e molto Guccini ma anche rubriche di storia, religione e filosofia con baruffe in diretta sul Logos o sull’Ente. Tutto in dialetto. Così ho provato a scrivere, più che un radiodramma, mezz'ora di radio. In dialetto, calcando sulla a dei verbi in -are, tipica dell’alta padovana.

G.B.

El gusto de vivare

Vitòrio da Saonàra! Sito tornà dal Guatemala?
Tuti ormai pensava
Vitòrio el s’à perso ne la giungla
amazzonica
in mexo ai macachi
Te credi che no gabia fato sto pensiero
De serare l’atività
e ndàre a vivare distante?

Solo che to pare, el professore,
el te disereda, se lo vien savere
No sta credare, ghe nemo parlà
La ga presa bene
lù ga el so mondo, i so libri de arte
Le passeggiate sui Euganei
Insuma, te voressi partire
El saver gustare la vita
Lo go trovà
dove ghe se a miseria più nera
No te gavevi bisogno de ndare in Guatemala
Par capire
Bastava te andassi a Padova
Al luni matina
Le mumie che te vedi
Drento sti fuoristrada in colona
quanto immusonii no xei?
Cossa ne manca ancora, che gavemo tuto?
Tutto! Fin alla puttanata più infima
Fin allo spolverino eletrico
Cattura polvare
Che entra nei busi più reconditi
Ma ancora no basta
Parché l’obietivo xe categorico:
raggiungere l’espression trista e schifata
definitiva. La tetragine al so punto massimo,
l’espressione cadaverica
per i anni che resta vanti che i ne
staca la spina.
Prova imaginare sta scenetta:
Siamo nel milletrecento
Un ricco sul letto de morte
Età su la quarantina
vecio par quei tempi
– però el ciccio ghe tirava ancora
no ghe badava ale statistiche el ciccio! –
El se prepara a destacarse
dai orti, dai alberi e dae bestie
dal bel fogher
co le bronze vive,
i so cani da cacia,
la cavalina che ghe fasseva tremolare el culo
el graner beo suto
i putei che portava el bocaleto
a spasso par la cuxina
le femene de casa
ben inquartàe soto i cotoloni
(leggere Ronsard tosi!)
E te vedevi che el pianxeva
Come un vedeleto
Parché sapeva amare
Sapeva amare
Iera sta un gusto vivare.
Me scoltetu Vitòrio?
Veniamo al dì de ancùo
Riessetu imaginare
Uno che vanti de morire
El pianxe par el quatro par quatro?
Vitòrio! Vitòrio?
Sito in linea?
Tu tu tu tu tu
Xe cascà la linea
Passiamo a un’altra telefonata…
[…]

No so se me spiego

Sarò breve e sintetico
Intendevo dire che insoma
Qua no se ghe ne poe più
Ti prova imainare
– Segui il mio raionamento –
Che xe tuto un continuo e
tuto un continuo.
Me spiego?
Parché prima questo e po no bastasse quest’altro
Insomma tuto un insieme di cose
Gheto capìo come?
Che a la fine te vien da dire basta, basta!
No xe possibile!
Oih!? signori miei, ma femo sul serio o stiamo schersando?
A no so mia dove volemo ndare a finire!
no so se me spiego,
adesso no stemo dire ma mi, ma ti, ma questo, ma quelo,
saria massa facile,
troppo facile!
che ghe ne capita continuamente una pexo de l’altra
e te dixi oh ragassi
ma dove volemo arivare?
No so se me spiego?
Se rischia de tocàre el fondo
Co tuto queo che te vedi
che te senti, che te fe, che te brighi
e oltretutto no la xe mai finia…
insoma, mi la vedo cussì purtroppo
e, come ripeto,
voria che la soluzione fosse una,
precisa, quea giusta me spiego?
dopo ognuno, par carità!
libero de dire e pensare queo che el voe
e dire, par modo de dire : no Bepi par mi qua te sbagli etcetera
comunque Radiorana sei grande
parché te ghe dè spassio
a le opinioni più diverse
e te ne fe straviare anca massa

[…]

Ubi caritas et amor Deus ibi est

[…]

Si pronto… so in diretta, no posso rispondere
resta in linea che te passo Giani,
sì, xe lu l’esperto del compostaggio
Pronto,
Sono Otàvio…
Caro Otàvio el mitico poeta de Monìgo
Beh poeta… insuma…
Come ndemo? Pioveva forte anca dae to parti
Domenega passada?
Noaltri ghemo fato a gita sociale domenega
…Quanta piova ragassi
Da quando la me Gina non xe pì …
Savemo purtroppo de la disgrassia…
ma te vorà mia cedere proprio adesso
Te ghe i figli, te ghe le nuore
Te ghe i nipoti, i amici
Xoghetu sempre a boce?
Guardare sempre avanti!
Otantaquatro a dicembre caro mio
la voce xe quela de un cardelin…
Gheto scrito qualcosa da far sentire ai nostri ascoltatorii
che semo tuto recie
A Gina…
Sentimo a Gina
Gina te me disevi apena ieri
Goio proprio da morire in sta corsia
In mezo de dotori e de infermieri?
Portéme a casa, Otàvio pòrteme via
E dopo te lassavi ne la scodela
i pomi coti co na smorfia in boca
te domandavi notissie de to sorella
mi rispondevo de altro come in oca
ae siè te domandavi l’ora
Par tore le medissine
Sia lodato Gesù Cristo a la suora
– La xe de Gaiarine – te me disevi,
fasendome capire
Che gera un fatto solo nostro
el to morire…
Bravo Otavio da Monigo
Parole belle davvero commoventi
Di quelle che colpiscono
La prossima polka xe tuta tua

[…]

Apotropaico

[…]

Ciao Radiorana, so la Vitorina
Volevo na risposta s-ciéta
dal nostro Carleto
Son pronto, qual è la domanda?
Ghe credito ti a Santantonio?
No

(pausa)

Ciavà!
Vitorina, lassa che te spiego
Vi saluto e meto xo che
go da fare

Lascia un commento