In linea da: 21/09/2017

Che cosa è cambiato? A dieci anni dall’alluvione del settembre 2007

di sAm

Il 26 settembre 2017, dalle ore 16, presso l’auditorium del Centro culturale Candiani di Mestre, si terrà il convegno 26 settembre 2007-26 settembre 2017: cosa è cambiato? A dieci anni dall’eccezionale alluvione che ha colpito Mestre e l’entroterra veneziano. Le azioni intraprese e gli scenari possibili.

I nostri soci e amici Giovanna Lazzarin e Fabrizio Zabeo interverranno a nome di storiAmestre, con una relazione intitolata Acque alte a Mestre e dintorni: pensare il futuro.

Il convegno è organizzato dall’Ordine degli ingegneri della provincia di Venezia, dalla Fondazione ingegneri veneziani e dal consorzio Acque Risorgive.

Gli organizzatori comunicano che la partecipazione al convegno è libera, ma per ragioni pratiche è necessaria una preiscrizione, che si può effettuare online, a partire da questo link.

Per scaricare il programma completo, cliccare qui.

Per un breve video di presentazione, cliccare qui.

 

In linea da: 17/09/2017

In città. Marzo-agosto 2017

di Claudio Pasqual

Note di primavera-estate. Lavaggio strade e consegne con mezzi a pedali in piazza Ferretto. Cassonetti e mostre in centro città. Street art e decori floreali. Rotonde senza sbocco. Il Mestre promosso in Lega Pro. Striscioni e volantini. “Passeggiate di sicurezza” e interventi della polizia locale. Non è vero che la città è insicura.

3 marzo 2017

Da un po’ Veritas, l’azienda della nettezza urbana di Venezia, fa pulire ogni giorno piazza Ferretto con una macchinetta elettrica che va anche sotto i portici. Uno scopino raccoglie le cartacce al centro del marciapiede, poi passa la macchina aspiratrice.

Continua a leggere In città. Marzo-agosto 2017

In linea da: 10/09/2017

I cannoni asburgici di Cortina. Ladinità, marketing territoriale e disinteresse per la ricerca storica

di Piero Brunello

A fine luglio, una notizia relativa alla ricollocazione di due cannoni ottocenteschi nell’atrio del municipio di Cortina suscita la curiosità di Piero Brunello. Verifica di alcune delle circostanze storiche rievocate, e riflessioni sulla etnicizzazione del discorso e sull’uso pubblico della storia.

1. A fine luglio sono rimasto incuriosito leggendo in un giornale online la notizia che “i cannoni di Radetzky”, a un certo punto rimossi dall’atrio del municipio di Cortina dal commissario straordinario con “malcontento della comunità ladina” (perché “Sono la nostra storia”), erano tornati dov’erano; la notizia di cronaca era corredata di una breve storia della vicenda.

Continua a leggere I cannoni asburgici di Cortina. Ladinità, marketing territoriale e disinteresse per la ricerca storica

In linea da: 07/09/2017

8 settembre 1943: ricordi e sogni

di Giorgio Bassani, a cura di Filippo Benfante

In occasione dell’8 settembre riprendiamo due scritti poco noti di Giorgio Bassani: un ricordo dell’8 settembre 1943 a Firenze, scritto nel 1945; il racconto di un sogno angoscioso fatto una notte del 1950.

L’occasione per fare una rivista o per resistere?

Nel 1945, Giorgio Bassani rievocò il suo 8 settembre 1943 in poche pagine dattiloscritte rimaste inedite fino a pochi anni fa. Quel giorno si trovava a Firenze, dove era giunto poche settimane prima. Il 26 luglio era stato scarcerato dalla prigione di Ferrara dove si trovava detenuto dal maggio precedente per la sua attività antifascista. Il 4 agosto aveva sposato a Bologna Valeria Sinigallia e quindi insieme si erano stabiliti a Firenze.

Continua a leggere 8 settembre 1943: ricordi e sogni